Neato Robotics: le tecnologie aspirapolvere della serie D e le loro caratteristiche

Tecnologie all’avanguardia per la pulizia degli spazi

I sistemi automatizzati per la pulizia degli ambienti sono sempre più diffusi. Una delle realtà che più di altre ha saputo proporre sviluppi importanti è, sicuramente, Neato Robotics. L’azienda di Newark (USA) ha lanciato una serie di prodotti in grado di farsi apprezzare per le prestazioni eccellenti in termini di igienizzazione degli ambienti così come per gli ottimi software di controllo e navigazione. La serie D prende nome dal design di una linea di robot anatomicamente predisposti per arrivare in ogni angolo dell’area mappata per la pulizia. La navigazione LaserSmart, il potente SpinFlow™ Power Clean e l’ampia spazzola sono alcuni dei dispositivi che caratterizzano il prodotto. Di seguito, entriamo nel dettaglio dell’offerta e delle prestazioni.

 

I robot aspirapolvere Neato: i modelli della serie D del 2015

Il lancio della serie D nel 2015

La serie D vede la luce nel 2015 quando escono sul mercato i robot Neato Botvac D75, Neato Botvac D80 e Neato Botvac D85. Questi tre modelli sono piuttosto simili fra loro e, ancora oggi, sanno garantire prestazioni di livello rispetto ai competitor. In particolare, il D80 e il D85 si differenziano solo per gli accessori; mentre, il Botvac D75 è diverso nel design e nei colori.

Le caratteristiche tecniche e l’estetica

Le caratteristiche distintive di questi prodotti guardano ad aspetti stilistici tanto quanto funzionali. In primo luogo, il motore di aspirazione è più potente rispetto alle produzioni precedenti. Quest’aspetto (coniugato alle spazzole Spiral Blade Brush e Combo Brush) è capace di ridurre l’accumulo di peli, migliora le performance su tappeti e moquette. Inoltre, i sensori dei paraurti sono stati perfezionati per favorire la navigazione. Infine, le linee sono moderne ed eleganti. Dettaglio che potrebbe sembrare marginale ma che ha, invece, un peso importante quando si valuta una tecnologia che, inevitabilmente, grava sullo stile degli ambienti in cui viviamo.

 

Dal Neato D5 fino a DC02: la proposta della linea Botvac Connected

Il lancio della linea Connected nel 2016

La vera svolta per la serie D è, però, datata 2016. Quello è, infatti, l’anno in cui viene proposta per la prima volta la linea Connected. Dapprima, nascono i robot Botvac D3 Connected e Botvac D5 Connected. Da lì a pochi mesi, l’azienda proporrà poi i modelli DC02, D4, D6 e D7 Connected. Il cambiamento più significativo riguarda la possibilità di connessione con App per il controllo del robot tramite smartphone – una funzione che permette di programmare e gestire la pulizia anche da remoto.

Le caratteristiche tecniche della serie D Connected

Le prestazioni di questi modelli si possono differenziare in termini di funzioni.

  • Controllo e gestione: connettività Wi-Fi, controllo da smartphone tramite l’App Neato, programmazione della pulizia, supporto Smartwatch, programma la pulizia tutti giorni.
  • Navigazione: tecnologia laser per scansionare e mappare l’area di intervento, sensori che permettono al robot di pulire mantenendo una distanza di sicurezza dagli ostacoli, linee di demarcazione virtuali.
  • Pulizia: nuova spazzola combinata a spirale; filtro Ultra Performance (simile al filtro HEPA per performance).
  • Ricarica: funzione ricarica e riprendi per cominciare il lavoro da dove era stato interrotto prima che la batteria si esaurisse; super ricarica veloce per completare rapidamente il lavoro di pulizia iniziato.


Richiedi maggiori dettagli sulle prestazioni dei modelli Neato Robotics della serie D